Nuova avventura e primo bilancio

Sabato a Castellamare di Stabia è arrivato il primo successo per la Bonfiglioli Ferrara Basket targata B.Ethic, a poco più di due settimane dalla conferenza stampa che ha dato il via alla nuova avventura in via Trasvolatori Atlantici nella sede del “rinnovato” main sponsor.

Nicola Grazzi, già parte del consiglio presieduto da Pietro Ferranti, traccia un iniziale bilancio della nuova avventura intrapresa da B.Ethic: “Parlerei di un impegno rinnovato, sicuramente più consistente per ovviare ad un momento che altrimenti poteva rivelarsi complicato da superare. Insieme agli altri soci di B.Ethic abbiamo sentito il bisogno immediato di non abbandonare la Bonfiglioli e con il Presidente Ferranti ci siamo sempre trovati sulla stessa lunghezza d’onda”. Il discorso è ad ampio raggio: “In qualsiasi settore, dalla vita privata a quella pubblica – spiega Grazziè importante rispettare gli impegni presi. Se viene a mancare la parola data, il rapporto si incrina e perde di senso. Al contrario, lo dice il nostro stesso nome, chi ha una certa etica è in grado di prendersi conseguentemente oneri importanti. Lo sport femminile, con un occhio di particolare riguardo al settore giovanile, non può essere visto come la classica bandierina da sventolare, per poi salire sul carro dei vincitori per pura convenienza”. L’impatto del cambio in corsa sulla squadra poteva essere dirompente: “La prima azione è stata quella di rassicurare le ragazze, nulla dal punto di vista tecnico è variato. Gli obiettivi rimangono importanti e, una volta recuperate le acciaccate, puntiamo in alto, per recuperare il terreno perso nelle prime sfide”. La fiducia non manca: “Ci aspettano tre battaglie da affrontare con intensità e grinta, dopo le partite contro Marghera, Civitanova Marche e Alpo capiremo meglio il nostro futuro prossimo. Sono tranquillo, perché vedo il giusto atteggiamento e gli occhi combattivi durante i vari allenamenti settimanali”.

Finanziamenti e bandi con B.Ethic

In tema di finanziamenti e bandi pubblici il Fondo sociale Europeo, l’Inail e la Regione Emilia – Romagna prevedono di investire ingenti fondi per la formazione delle persone che così “aggiornano le attitudini e le competenze”.

Qualsiasi imprenditore nella vita di tutti i giorni si pone queste semplici domande:

  • I collaboratori potrebbero svolgere meglio le loro mansioni? Più velocemente e con minori perdite di tempo, dunque economiche?
  • Se il personale fosse più competente e aggiornato nello svolgimento delle sue mansioni, si potrebbe migliorare la situazione globale?

La risposta a questi interrogativi, e a molti altri simili, è sempre Sì.

B.Ethic, ente accreditato dalla Regione Emilia-Romagna, offre a tal riguardo un servizio completo di consulenza che va dall’analisi dei fabbisogni formativi dell’azienda, alla presentazione della richiesta di finanziamento all’Ente Pubblico. A breve, come sempre, saranno resi disponibili nuovi finanziamenti pubblici per la formazione di imprenditori, dipendenti e collaboratori delle aziende del nostro territorio provinciale e regionale.

Alcuni esempi di possibili iniziative finanziabili e rivolte allo sviluppo delle competenze aziendali?

  • Internazionalizzazione e apertura a Nuovi Mercati.
  • Sviluppo delle competenze informatiche – (livello base, intermedio e avanzato).
  • Sviluppo delle competenze linguistiche.
  • Contabilità generale – amministrazione.
  • Tecniche di Marketing e Vendite – Web Marketing e social media.
  • Tecniche di comunicazione efficace – Tecniche di problem solving.
  • Gestione e razionalizzazione dell’area Acquisti – Applicativi gestionali.
  • Sviluppo delle competenze commerciali e tecniche di vendita.
  • Creazione e gestione interna del sito web aziendale.

Trattandosi di finanziamenti pubblici derivanti dal Fondo Sociale Europeo e dall’Inail o dalla Regione non è richiesto alcun contributo in denaro da parte delle aziende.

Dieta e sicurezza sul lavoro

A riguardo di sicurezza sui luoghi di lavoro spesso ci si ritrova a sottovalutare alcuni fattori che in realtà hanno risvolti importanti nella vita dei lavoratori. Si può trovare una correlazione tra dieta e sicurezza, per la diminuzione degli infortuni sul posto di lavoro?

Mangiare sano e nella corretta quantità rientra senza ombra di dubbio nelle misure preventive per abbattere il rischio di problematiche legate alle malattie professionali. Ad esempio un’azienda della Versilia ha tracciato il lavoro dei suoi addetti e ha compreso che il 70% dei lavoratori vittime di scivolate o cadute, durante il servizio di raccolta rifiuti porta a porta, è in sovrappeso. Studiando tale incidenza, piuttosto alta, si è arrivati ad un percorso salutistico che comprende lezioni di corretta alimentazione, visite e consulenza di un nutrizionista.

Quali sono i lavoratori più esposti a rischi in caso di malattie come sovrappeso, obesità, colesterolo alto, diabete? Un interessante volume, “La Dieta dei Mestieri” di Eleonora Buratti, affronta con attenzione la tematica relativa alla sicurezza e alla salute dei lavoratori, legando il tutto all’alimentazione. Nelle pagine del libro sono presenti, in forma di racconto, varie tipologie di lavoro, ognuna con i propri rischi specifici raccontati e le conseguenti abitudini da seguire. Ad esempio troviamo dall’impiegato al dirigente, dall’operaio edile al dentista, dal cuoco al poliziotto e così via. Il legame non è solo tra alimentazione e lavoro, dieta e sicurezza, ma chiama in causa anche lo stress, l’obesità e le relative correlazioni per accrescere la ricerca sui temi sopracitati. Un rischio multiplo si cela dietro ai problemi alimentari ed affrontarlo in termini di prevenzione, grazie alle conoscenze a disposizione, è la strada migliore per raggiungere il proprio obiettivo.

“La Dieta dei Mestieri” in ultima analisi è un testo che nella sua completezza può dare varie risposte, sia scientifiche che pratiche. Il caso con il quale abbiamo aperto l’approfondimento – semplicisticamente titolato Ersu che mette a dieta i dipendenti – rientra proprio nelle risposte pratiche, per rischiare meno infortuni sul posto di lavoro.

Per ulteriori informazioni in merito non esitate a contattare il nostro Team di Professionisti specializzati in Ingegneria Ambientale e Sicurezza sul Lavoro. Chiamaci allo 0532-243048, oppure manda una mail all’indirizzo info@b-ethic.it

Decreto Balduzzi: quarto rinvio

Slitta ulteriormente il Decreto Balduzzi, norma per obbligare le Associazioni Sportive Dilettantistiche – tranne quelle con ridotto impegno cardiocircolatorio come bocce, biliardo, golf, sport di tiro ecc. – all’uso del defibrillatore, e a tutto ciò che ne consegue a livello di formazione. Il personale dell’Associazione Sportiva formato all’utilizzo del DAE dovrà sempre essere presente, per questo è utile attrezzare con la formazione adeguata più persone all’interno dell’Associazione stessa.

Lo Stato Italiano ha prorogato l’entrata in vigore del “Decreto Balduzzi” con una pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, durante il congresso italiano della Resuscitation Council, all’articolo 48 con il testo della proroga fra le note degli interventi a favore dei terremotati. Nel tentativo di favorire le società del cratere terremotato, dando loro più tempo per uniformarsi, lo slittamento interessa per omogeneità tutto il territorio nazionale.

Al fine di consentire nei Comuni di cui allegato 1 il completamento delle attivita’ di formazione degli operatori del settore dilettantistico circa il corretto utilizzo dei defibrillatori semiautomatici, l’efficacia delle disposizioni in ordine alla dotazione e all’impiego da parte delle societa’ sportive dilettantistiche dei predetti dispositivi, adottate in attuazione dell’articolo 7, comma 11, del decreto legge 13 settembre 2012, n. 158, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2012, n. 189, e’ sospesa fini alla data del 1° gennaio 2017”.

Sono circa 70.000 le morti per arresto cardiaco ogni anno, e il Decreto Balduzzi fu pensato dopo la morte di Piermario Morosini, giocatore deceduto sul campo nell’aprile 2012. B.Ethic è sempre attenta al tema, ad esempio durante la Ferrara Bike Night si è garantita assistenza e sicurezza medica grazie a due ciclisti muniti di defibrillatore e naturalmente formati per utilizzarlo prontamente in caso di necessità. Uniformarsi a livello nazionale è importante per salvare più vite umane.

Per ulteriori informazioni in merito non esitate a contattare il nostro Team di Professionisti specializzati in Ingegneria Ambientale e Sicurezza sul Lavoro. Chiamaci allo 0532-243048, oppure manda una mail all’indirizzo info@b-ethic.it.

Formazione novembre: la proposta di B.Ethic

Formazione novembre. Vi ricordiamo dunque il nostro calendario corsi, consapevoli dell’importanza che riveste la formazione riveste nella nostra legislazione. Difatti all’art. 2 del D.Lgs. 81/08 “formazione è quel processo educativo attraverso il quale trasferire ai lavoratori ed agli altri soggetti del sistema di prevenzione e protezione aziendale conoscenze e procedure utili alla acquisizione di competenze per lo svolgimento in sicurezza dei rispettivi compiti in azienda e alla identificazione, alla riduzione e alla gestione dei rischi“.

B.Ethic è ente accreditato dalla Regione Emilia Romagna con Delibera di Giunta N°1487 del 21 ottobre 2013 per la formazione continua e permanente e per quella superiore. Oltre a ciò eroghiamo corsi aziendali personalizzati e collettivi in materia di Sicurezza ed Igiene negli ambienti di Lavoro, Gestione Rifiuti, Comunicazione Aziendale, e tematiche specifiche aziendali, attraverso un ricco catalogo di proposte rispondenti alle specifiche necessità.

I corsi di formazione sono organizzati sia in aula che in azienda, seguendo le specifiche esigenze del cliente. Oltre alla Formazione il nostro Team di Professionisti specializzati in Ingegneria Ambientale e Sicurezza sul Lavoro è pronto a seguirvi a 360°, promuovendo una reale assistenza continuativa ed aggiornata nel tempo. Il valore aggiunto viene rappresentato dall’elevata professionalità del servizio, accompagnato da rapidità e facilità nella gestione dei problemi.

In ogni caso e per maggiori informazioni sulla formazione novembre e in materia di Ingegneria Ambientale e Sicurezza sul Lavoro non esitate a contattare il nostro Team di Professionisti. Chiamaci allo 0532-243048, oppure manda una mail all’indirizzo info@b-ethic.it.